Sulle orme dei nostri cani

 

 

 

Aria di primavera


Ascoltare il mondo

Ascoltare il mondo

Ieri sera su Milano grandine. Temporali anche a Varese.
Ma la primavera è alle porte e ce lo annuncia con le sue gemme e i suoi germogli in ogni dove.
Con la primavera si risvegliano i sensi!
Vista:
D’inverno abbiamo passato molto tempo al chiuso e il nostro campo visivo si è ridotto. Abbiamo abituato i nostri occhi a focalizzarsi solo su oggetti vicini. In primavera iniziamo ad uscire più spesso e guardiamo lontano abbracciando panorami meravigliosi, rivediamo colori quasi dimenticati. Rialleniamo i muscoli oculari e ritroviamo forze interiori. Ascoltare osservando!
Udito:
E’ la seconda parte emotiva del nostro cervello. In primavera alleniamo l’udito alle lunghe distanze. Immergersi nel silenzio ma scoprire che silenzio non c’è: cinguettii, mormorii di corsi d’acqua, vento tra i rami ancora nodosi come mani di nonni affettuosi. Riusciamo più facilmente a prendere le distanze da eventi deprimenti. “Ascoltando lontano” andiamo oltre noi stessi ed accogliamo energia e forza.
Tatto:
In inverno non mettiamo i nostri polpastrelli a contatto con la natura. Tornare a fare passeggiate nei boschi e nei prati. accarezzare foglie, petali di fiori, appoggiare il palmo delle mani al tronco di qualche albero, lavarsi le mani in un ruscello; piaceri incommensurabili da riscoprire. Ascoltare toccando!
Olfatto:
Il più arcaico dei nostri sensi, mediatore tra spirito e materia, ci mette in relazione con il mondo riportando alla mente anche i ricordi più lontani, sopiti nella nostra memoria. L’odore della pioggia, dell’erba bagnata dalla rugiada, gli odori del tramonto sempre più tardivo, il profumo dei fiori e i ricordi della nostra giovinezza resi da Messer Tempo tutti belli. Ascoltare attraverso l’olfatto!
Gusto:
Cambiano le esigenze delle nostre papille. Apprezziamo gusti più freschi e delicati, apprezziamo cibi più naturali. Anche il gusto suscita ricordi e anch’esso è collegato alle emozioni. Assaggiare e ricordare un determinato luogo o momento… Anche il gusto è quel trait d’union tra il nostro inconscio e la nostra memoria. Ascoltare assaporando!

E i nostri cani? I loro sensi sono come i nostri? Come e cosa percepiscono attraverso di essi?
Venite a scoprirlo alla conferenza “Ascolta il Tuo Cane” che terrò il 7 aprile per Varese Corsi. Una sua parte sarà dedicata a questo. Vi aspetto per accompagnarvi alla scoperta del vostro cane!

 

Ironia per una realtà da cani: ovvero “non svegliate il can che dorme”.


Copio e incollo, pari pari, una e-mail che mi ha inviato un affezionato. Mi segue spesso nelle mie conferenze ed ha iniziato con Varese Corsi. I concetti per sviluppare una buona relazione con il suo cane sono a lui molto chiari, sembra però che non si possa dire altrettanto degli altri componenti della famiglia (che conosco). Il suo modo divertente di esporre i fatti lascia anche spazio per “digerire” che il cane ha emozioni e bisogni che vanno rispettati se rispettiamo lui.

Ovviamente modifico i nomi per non “smascherare” il mio simpaticissimo amico.

“Innanzitutto, carissima,

buon anno.

Tu sai bene che Fufi e’ il prototipo assoluto della mansuetudine, eppure ieri, per la prima volta, l’ho visto digrignare i deni non per il suo abituale sorriso, ma con intenzioni aggressive.

E nei confronti di mia moglie, e con le migliori ragioni. Lei lo stava coccolando dopo averlo svegliato e lui ha palesemente mostrato di non gradire le attenzioni: lei ha continuato e lui si e’ rivoltato, giustamente.

Ho seguito il tutto in parte da un’altra camera, sentendo i suoi lamenti di palese insofferenza, e poi ho visto il tentatico di “rivolta”, Per fortuna perche’ lei voleva dargliele, come se la colpa fosse di Fufi e non della sua prepotenza previcatoria.

Peccato non l’abbia morsicata !!!

Forse e’ un esempio che puo’ servirti nelle tue sempre avvincenti conferenze: anche il cane piu’ mansueto non puo’ sempre essere disponibile ai capricci dei padroni, che non devono considerarlo, pur affettuosamente, un gocattolo di cui disporre liberamente.

W FUFI !!!!!!!!!!!!!!!

Un abbraccio

 

Natura e cultura


Natura (genetica) e cultura (ambiente).
Le differenze comportamentali, da soggetto a soggetto, sono influenzate dalla genetica e l’ambiente influenza il loro sviluppo.
In parole povere quando decidete di accogliere un cane valutate le caratteristiche di razza per orientarvi verso quelle più consone al vostro stile di vita, informatevi sul carattere dei genitori e accertatevi che gli allevatori abbiano iniziato la prima parte del percorso di socializzazione verso altre specie (compreso l’uomo – bambini, maschi, femmine e cani di razze diverse dalla sua) e, almeno un pochino,  verso l’ambiente urbano (rumori, diversità di terreno, oggetti vari). Più questa fase sarà gestita con professionalità e competenza più il vostro percorso insieme al nuovo amico sarà agevolato. Quindi mai inserirlo in famiglia prima dei 2 mesi (meglio 9-10 settimane). Se queste semplici regole verranno rispettate voi avrete il “solo” compito e il dovere di mantenere il suo equilibrio e costruire insieme un legame fatto di reciproca soddisfazione. Riequilibrare può invece essere molto impegnativo, a volte nemmeno possibile; questo dipenderà dalla genetica e dalle esperienze  vissute dal cucciolo.  Ergo, una volta capito su che razza orientarvi, selezionate almeno 2-3 allevamenti per poterli confrontare. NO NEGOZI, FIERE E TUTTE QUELLE CONDIZIONI CHE NON CONSENTONO DI VALUTARE QUANTO SOPRA.
Per i canili il discorso è diverso. Saggia decisione adottare un ospite di queste strutture! Ma attenzione…l’amore a volte non basta. Se i volontari sono responsabili, preparati professionalmente, dopo avervi fatto una serie di domande (alle quali dovrete rispondere sinceramente), vi proporranno dei soggetti compatibili con le vostre abitudini. Accettate i suggerimenti…  Andare dove vi porta il cuore in questo caso potrebbe non essere la mossa giusta.
L’adozione di un cane, qualunque cane (o qualunque altro essere vivente), è una scelta importante. Tutti hanno il diritto di non soffrire, noi uomini abbiamo il dovere di garantirne il benessere  anche se questo potrebbe portare a…rinunciare all’adozione stessa.

 

MANTENIAMO LA DISTANZA, PLEASE


 

Acquisiamo consapevolezza del fatto che anche noi uomini siamo animali e in quanto tali condividiamo e attiviamo gli stessi comportamenti delle altre specie, sia predati che predatori. Il motore comune è l’istinto alla sopravvivenza. Lo attiviamo con tutto quello di cui siamo capaci nel momento in cui ci si sente minacciati. Una delle principali cause di aggressione da parte di nostri cani è la violazione della loro distanza di sicurezza che anche noi uomini abbiamo. In termini scientifici, se può interessare, dicasi “ Prossemica, ovvero il rapporto individuale con lo spazio”
Per l’uomo si possono distinguere 4 distanze prossemiche ognuna delle quali ha una fase di vicinanza e una di lontananza: ovvero da un minimo a un massimo che non sto a specificare in questa sede.
- Distanza intima: sconfina nel contatto fisico, si avverte l’odore e il calore dell’altro, si usa un tono di voce basso. Un esempio di questa distanza è quella usata tra partner.
- Distanza personale: si può toccare l’interlocutore ma senza avvertirne odore e calore, lo si guarda un po’ meglio negli occhi. Utilizzata  solitamente tra amici
- Distanza sociale: adottata nei rapporti formali tra, colleghi, negozianti ecc, ecc,
- Distanza pubblica: questa viene adottata tra il nostro gruppo (anche di due persone) e un altro (ad esempio su un prato, in spiaggia, ecc, ecc,)
Il tipo di atteggiamento da parte di chi ci avvicina, calmo e tranquillo oppure frenetico, chiassoso e violento, produrrà in noi reazioni e modifiche nell’accettare o meno la diminuzione di tali distanze.
Questi dati sono stati acquisiti scientificamente attraverso lo studio delle parti del corpo delle varie specie. In questo caso gioca il ruolo chiave l’Amigdala, una delle strutture più primitive del cervello che processa le emozioni e attiva il linguaggio del corpo.
TUTTO QUESTO SI TRASFERISCE ANCHE AGLI ALTRI ANIMALI, NELLO SPECIFICO – DATO IL MIO LAVORO – AI CANI.
I tipi di distanza sono simili alle nostre.
- Distanza pericorporale
- Distanza critica
- Distanza di sicurezza
- Distanza di gruppo e, allargando un po’ l’argomento ma non trattandolo il questo contesto,
- Spazio territoriale
Ogni singolo soggetto ha una sua personalissima distanza individuale e quindi sta a noi imparare a conoscere dove cominciano e dove finiscono i confini del nostro cane. In questo modo saremo in grado di rispettarli o di utilizzare un approccio non repentino, minaccioso ed invasivo, causa di reazioni come fuga, aggressione o congelamento.
Queste ultime reazioni, oltre a essere legate al nostro atteggiamento tengono conto anche del luogo in cui avviene l’avvicinamento. In base alla situazione, il cervello (non entro nel merito di quale parte) elabora il comportamento più idoneo per sopravvivere. Le esperienze vissute precedentemente dal cane, la genetica e il suo carattere faranno sì che decida di attaccare, scappare, congelarsi (freeze) o attivare comportamenti sostitutivi (flirt). Se non hanno vie di fuga quasi sempre attaccano, esattamente come faremmo noi se fossimo minacciati e fossimo con le spalle al muro.
ERGO…. Torniamo sempre al discorso di base: sapere come ragionano, pensano, riconoscere le emozioni, riconoscere i loro istinti vi aiuterà a gestire i loro comportamenti e prevenire situazioni spiacevoli. Concludo col motto greco “conosci te stesso” e io aggiungo “per conoscere il tuo cane

Distanza individuale (1) Distanza individuale (3)

 

Chewing gum: pericolo, flagello, insidia per i cani, per le loro zampe e il loro pelo.


Chewingum Zampa I Maya furono forse la prima civiltà a masticare palline di gomma.

I dentisti devono una parte della loro fortuna  a William Semple che brevettò la prima ricetta di gomma da masticare.

I nostri cani devono a questa invenzione una delle loro sf…. ielle. Il chewing gum, gettato incurantemente a terra da imprevidenti (e incivili) consumatori, soprattutto in questo periodo di temperature elevate, si attacca al pelo e alle zampe dei cani. Dal pelo è relativamente facile toglierlo perchè lo notiamo (ammesso che non se lo mangino nel tentativo di rimuoverlo – con le conseguenze del caso). 1° Consiglio è quello di tagliare il pelo appiccicato, tanto ricresce. 2° Consiglio usare acqua ragia e delicatamente rimuovere “la schifezza” senza strappare o tirare. Poi lavare con acqua e sapone e sciacquare abbondantemente per eliminare ogni residuo di diluente.

Se si attacca sui o tra i polpastrelli il discorso diventa molto più complicato e delicato. La cicca funge da adesivo e raccoglie terriccio, sassolini e altro, formando un grumo che premendo su centri nervosi e sui vasi sanguigni diventa anche doloroso. Più il cane cammina più raccoglie, più il grumo si ingrossa e si infiltra in profondità. Per “annientare il nemico” si utilizzano gli stessi metodi descritti sopra solo che in questo caso è più difficoltoso: se il vostro cane accetta di farsi manipolare le zampe armatevi di santa pazienza e bocconcini prelibati per rendergli l’operazione meno sgradevole e, magari in più volte, tagliate con una forbicina da unghie facendo attenzione alle membrane interne  e aiutandovi anche con l’acqua ragia. Se non vi sentite sicuri o il cane si agita meglio andare dal veterinario.

Chi direbbe che una banale cicca può causare tanti danni? Non solo ai nostri animali ma anche all’ambiente? Ecco cosa si trova su Wikipedia “I chewing-gum sono fonti di inquinamento, in quanto aderiscono alla superficie sulla quale vengono gettati (ad esempio strade), inoltre per la loro rimozione vengono utilizzati prodotti chimici o particolari sistemi di fresatura. Osservando i marciapiedi e tutti i camminamenti pedonali, soprattutto delle grandi città, si osservano macchie nere che deturpano i manti stradali e sono dovute alle innumerevoli gomme gettate incurantemente in terra dai consumatori di chewing-gum.

A Singapore è vietata dal 1992 l’importazione e la vendita di gomme da masticare, sia per motivi igienici, sia per la possibile interferenza con il buon funzionamento delle infrastrutture”

 

(consigli veterinari  gentilmente forniti dai Drs Alberto Brolpito e Barbara Donaggio)

 

 

 

 

 

Cani…insegnanti di vita.


Mi è stato trasmesso. Impossibile non condividerlo con il mondo. Grazie a Fede che mi ha pensata quando lo ha letto e grazie al Dr. Alloggio per averlo pensato e scritto.

Insegnante di vita

 

“Ritengo che anche dalla forte emozione di vita,dall’amore immenso e incondizionato, nonché da quella saggezza istintiva dei cani, possiamo imparare tantissimo per vivere al meglio la nostra vita.

Mi piace dunque pensare a queste lezioni di vita che potrebbero essere a noi consigliate dai nostri amici a 4 zampe.

Se un cane è stato il tuo maestro,  queste sono alcune delle lezioni che non scorderai mai:

Quando i tuoi cari tornano a casa, corri sempre per salutarli

Non perdete l’occasione di andare a fare una gita di piacere

Assapora l’aria fresca e il vento in faccia, saranno pura estasi

Quando è nel tuo interesse, pratica l’obbedienza

Fai sapere quando hanno invaso il tuo territorio

Sonnellini a tratto prima di risalire

Correre correre e giocare tutti i giorni

Evita di mordere, quando un semplice ringhio può essere sufficiente

Nei giorni caldi goditi il piacere della schiena sull’erba

Nei giorni caldi bevi molta acqua e rilassati sotto un albero ombroso

Quando sei felice danza con tutto il corpo

Non importa quante volte puoi essere rimproverato, non sentirti mai in colpa e non mantenere il broncio.

Diletto e gioia in una lunga passeggiata

Mangia con gusto ed entusiasmo

Fermarsi quando ne hai avuto abbastanza

Si sempre leale, non fingere di essere qualcosa che non sei

Se quello che vuoi è sepolto devi scavare fino a trovarlo

Quando qualcuno sta avendo una brutta giornata,  resta in silenzio….. … Siediti vicino  … E “annusa” delicatamente le sue emozioni.”

 

Ozio e attività sfrenato: la virtù sta nel mezzo (n° 2)


Vediamo cosa si deve tenere in considerazione per proporre al nostro cane qualche attività che gli consenta di occupare il tempo, soddisfandolo e gratificandolo. Potrei consigliarvi delle attività specifiche, gioco, fiuto, tuttavia non è così semplice perché bisogna tenere in considerazione i fattori variabili come età, razza, “personalità”, ambiente abitativo, famiglia ecc. ecc. Il Dottor Joel Dehasse fornisce una formula molto semplice, che cercherò di semplificare ulteriormente, che ci permette di reinventarci creando delle occupazioni pensate esclusivamente per il nostro lui. Partiamo dal dato certo che un cane dovrebbe fare 5 ore di attività AL GIORNO con le variabili del caso ovviamente. Può masticare un osso 5 ore? Può passeggiare per 5 ore? Certamente no. Equivarrebbe a guardare la tele per 8 ore, palestrarci per 8 ore, leggere per 8 ore. Una sola attività per 8 ore. Non è possibile, non stiamo equilibrando i nostri bisogni. Lo stesso vale per il cane. Quindi…. Mangiare, masticare, muoversi, giocare, pensare, e … abbaiare o meglio, più ampio, vocalizzare. Tralasciamone altre che i cani di famiglia non possono mettere in atto (delle quale tuttavia avrebbero bisogno). Analizziamo l’attività alimentare: il cane è un predatore. Caccia; fiuta, si attiva mentalmente per arrivare a catturare una preda che si è nascosta in posti difficili da raggiungere, fa parecchio movimento, quando la cattura la mastica e rimastica, ci impiega a volte giorni per arrivare a segno. Il nostro lupacchiotto casalingo cosa fa per mangiare? NIENTE!!! La ciotola arriva già piena, la sbaffa in un nano secondo senza masticare (se sta bene è vorace). Che tristezza… Su un po’ di vita…. Attiviamoci… Nascondiamogli la ciotola, facciamogliela trovare oppure, meglio ancora, crocchette sparse tipo miglio in giardino…. Se non possiamo nascondiamo per casa mucchietti di crocchette (o della sua pappa), sempre in posti diversi. Oppure mettiamole in un gioco dispenser come il Pipolino – attrezzo infernale inventato sempre dal machiavellico Dottor Joel Dehasse. L’attività alimentare coprirà almeno 1 ora (con il pipolino) delle 5 del suo fabbisogno e includerà anche moto, masticazione, gioco, attivazione mentale: tutto in uno. Ora bisogna coprire il fabbisogno giornaliero delle altre 4 ore. Per questo si deve conoscere bene il nostro cane e sapere per cosa è più portato e cosa invece non gli piace fare. Non date per scontato che se avete un cane con caratteristiche di razza ben specifiche dovete assolutamente attenervi al suo “libretto delle istruzioni”… Ci sono delle eccezioni. Ho educato un Border (anzi ho educato il suo proprietario) al quale il lavoro non gli passava “manco p’a’ capa”. Si voleva fare delle belle passeggiate rilassanti, fiutare, conoscere altri cani, giocare… non bisognava sottoporgli attrezzi di alcun genere, niente agility, obidience ecc, ecc, Il suo due zampe stava vendendo l’anima al Diavolo pur di vederlo sereno quindi si è allestito un “campo” in casa ma la cosa non funzionava. Lo portava anche a fare sheep dog. Gli continuava a chiedere cose che, per una serie di fattori – nonostante fosse un Border – non era in grado di fare. Per concludere vi consiglio il libro scritto dal Dottor Dehasse “il mio cane è felice?”. Credo possa esservi d’aiuto per trovare il giusto equilibrio. Naturalmente avvaletevi dell’aiuto di un educatore per mettere in atto le strategie giuste. Un’ultima cosa…. Molti problemi legati al comportamento del cane sono causati dalla sua inattività ma capita anche che ci siano in atto patologie oppure altri fattori per i quali occupare il cane non sia sufficiente . Se avete questo dubbio rivolgetevi ai professionisti del settore che avranno le competenze per “stanarli”. Buon divertimento!

 

Ozio e attività sfrenata: la virtù sta nel mezzo.


Divertente la scarpaLa giornata di un cane è fatta di 24 ore, esattamene come la nostra. Noi come la impieghiamo? Proviamo a fare una statistica: dedichiamo 8 ore al sonno. Ci alziamo, colazioniamo, andiamo al lavoro al quale dedichiamo altre 8 ore. Torniamo a casa, un po’ di relax, cena, televisione e nanna un’altra volta.

Questo per semplificare molto. Aggiungiamo i figli da accompagnare e andare a prendere a scuola, le 8 ore di lavoro che ci impegnano fisicamente e mentalmente, la pausa pranzo, le relazioni professionali, lo sport dopo il lavoro, la spesa, dedicarsi ai figli o ai genitori se sono anziani, le relazioni sociali della famiglia e i compiti da assolvere per essa, cena, dopocena (tv, letture, pc),  … siamo impegnatissimi sia mentalmente che fisicamente e, a fine giornata stanchissimi. A volte gratificati, altre meno, a seconda se ciò che abbiamo fatto corrisponde ai nostri reali bisogni e alle nostre aspettative.

E i nostri cani? Facciamo anche qui una statistica analizzando la giornata di un cane che vive in appartamento: di notte dorme. Al mattino sveglia, passeggiatina fisiologica (15 minuti), a casa 4 ore da solo, rientro pausa pranzo (ma non c’è tempo da dedicargli), altre 4 ore da solo. Rientro della famiglia, passeggiatina  (30 minuti). A casa, qualche coccola poi osservazione delle attività della famiglia e attesa della pappa. Nuovamente nanna perché la famiglia è occupata in attività diverse.

Questo per semplificare: ci sono variabili come i contesti abitativi (giardino) e abitudini della famiglia ma sostanzialmente il cane passa maggior parte della giornata da solo, annoiandosi e in base a quanto ha a sua disposizione, trova il modo di occupare il tempo. Chi ha un giardino lo troverà pieno di buche, oppure avrà un cane che abbaierà molto disturbando il vicinato, chi non ce l’ha si troverà il divano sbudellato. Sto citando solo alcuni esempi per semplificare e cercare di spiegare come mai spesso i nostri cani si attivano con comportamenti per noi problematici.

Voi come vi comportereste se la vostra vita fosse fatta di ozio? Senza stimoli oppure molto pochi? Non cerchereste attività alternative? Di fatto già lo facciamo:  seppur stanchi dopo una giornata lavorativa, se ci avanza del tempo non oziamo. Palestra piscina, lettura, PC, attività sociali ecc. ecc., dipende dalla professione: se occupati fisicamente ci dedicheremo ad attività che impegnano la mente, se impegnati mentalmente ci sfogheremo con attività fisiche: comunque cerchiamo inconsapevolmente di equilibrare i nostri bisogni, COSA CHE IL CANE NON PUO’ FARE.

Al contrario esistono situazioni dove il cane è estremamente sollecitato: per fare un esempio la famiglia numerosa con mamma a casa, bimbi piccoli. Lui vuole interagire quindi prende i giochi, rincorre i piccoli, è eccitato dagli strilli, dai movimenti veloci, la mamma si innervosisce, lo sgrida e, se le è possibile, lo isola in giardino andando involontariamente ad alimentare il suo disagio.

In linea di massima non esistono mezze misure: o troppo, o troppo poco.

Che fare? Portarlo al campo di addestramento 1 volta a settimana? Mmmm… Una overdose di attività in 1 ora e dopo? Si recupera… e dopo? Gli altri 6 giorni?

OK. Mi fermo qui… pausa di riflessione. La prossima volta vediamo le soluzioni. Nel frattempo non punite il vostro cane e non stupitevi o scoraggiatevi per comportamenti per voi inaccettabili. Lui sta cercando di adeguarsi, equilibrare, soddisfare bisogni tipici della sua specie per lenire dei disagi causati da uno stile di vita non proprio adeguato al suo.

 

     

 

Un cavaliere che si chiama King


Mosca atomicaQuesto è King, uno scricciolo di cane soprannominato “la mosca atomica”. Come tutti anche lui è nato con un destino: quello di trovare una famiglia meravigliosa che si è fatta carico di tutti i suoi problemi. Un giorno questa famiglia decide che è arrivato il momento di arricchire la propria vita adottando un cane. Tutti erano concordi sulla scelta del Kavalier, La mamma, informatissima sul fatto che non vanno comprati in negozio, alle fiere ecc., ecc. contatta due allevamenti. Tramite internet vedono la foto del loro King, se ne innamorano e pertanto scelgono l’allevamento che lo propone. La descrizione gli attribuiva l’età di 3 mesi. Sempre la mamma, che non lascia nulla al caso, mi chiama per una consulenza pre-adozione. Cose da comprare, dove collocare, come comportarsi durante il trasporto e poi in casa e cosa osservare nel cucciolo che sarebbe stato visto insieme alla cucciolata completa. Dopo i consigli pratici, arriva la perla di saggezza: “a meno che non ci siano manifestazioni ecclatanti di disturbi particolari…andate dove vi porta il cuore”. Ci lasciamo con un appuntamento fissato dopo qualche giorno per iniziare il vero e proprio percorso educativo. Ma il giorno seguente vengo contattata: “il cane non si muove dalla sua cuccia: ha passato tutta la sera, la notte e tutt’oggi sempre lì: ci ha fatto anche i bisogni” Mollo quello che stavo facendo e vado a vedere se questo atteggiamento era imputabile ad una eccessiva timidezza in un cucciolo frastornato per il cambiamento radicale che ha dovuto affrontare. Mi ha fatto una gran tenerezza. Messa in atto qualche piccola strategia mi viene il sospetto di essere di fronte a una Sindrome da Privazione Sensoriale, fortunatamente di 1° grado. Il cucciolo che alla fine aveva di fatto 5 mesi e non 3, era sempre vissuto in allevamento senza mai venire a contatto con stimoli ed esperienza diversificate, compreso quella di camminare su una superficie completamente liscia e lucida infatti ci pattinava sopra invece di camminarci e quindi, spaventato, preferiva andarsi a mettere nella cuccetta.King nel sole (6) Naturalmente ero allibita dal fatto che avesse 5 mesi e sinceramente mi è venuto il dubbio che non  fosse nemmeno nato in allevamento, anche perchè il cane non era accompagnato dai documenti e il libretto delle vaccinazioni non riportava le date in cui gli erano state praticate. La mamma mi ha fatto tenerezza, era in preda a grande preoccupazione; l’ho rassicurata dicendole che comunque, anche se in tempi più lunghi il risultato lo avremmo ottenuto. Bisognava avere un pochino più di pazienza e trovare sempre i modi giusti per relazionarsi con questo “cuor di leone”. Iniziamo i primi incontri, pipì e cacche in casa non si contavano, le uscite nel giardino condominiale erano una sofferenza per lui che trasaliva ad ogni più piccolo rumore, non parliamo del percorso per farlo abituare alla pettorina e poi al guinzaglio. Mamma anche se disperata teneva duro, io ero positiva: sapevo che il mio nipotastro ce l’avrebbe fatta! Intanto avevamo inserito in casa dei giochi che gli piacessero molto e gli facessero acquisire competenze. Poi, la mamma che è un medico, si accorge di manifestazioni e sintomi che la convincono poco. Ber farla breve, per non farci mancare niente, a King viene diagnosticata la Sindrome di Chiari. E’ una patologia degenerativa molto frequente in questa razza, da attribuirsi alle manipolazioni genetiche, veri e propri maltrattamenti. A questo punto siamo di fronte ad una vera e propria tragedia. L’allevatore dice di portarglielo indietro perchè avevano diritto a un altro cane, neanche fosse stato un paio di scarpe (commercianti di sentimenti). La mamma è ancor più disperata, anche per dei sui vissuti passati e soprattutto perchè deve dare un dolore a suo figlio. In un primo momento però si indirizza verso la scelta di trovargli un  altro proprietario perchè non si sente in grado di portare avanti la situazione. Io da questa storia sono stata particolarmente provata; mi sono persa 10 anni di vita ma ne ho riguadagnati 20 quando la rotta si è invertita ed è stata maturata, non senza angosce,  la decisione di tenere Kink e accettare giorno per giorno ciò che sarebbe arrivato. Ora è in terapia farmacologia ed è diventato davvero un cuor di Leone. Va dappertutto, gioca con qualunque cosa, lo portano al ristorante, va in auto nel trasportino, è socializzato con gli altri cani, fa un “seduto” da oscar e un “terra” da nobel. Sono davvero contenta: ho trovato una famiglia che ha seguito ogni piccolo, piccolo consiglio. La pazienza e la dedizione ma anche la caparbietà dimostrate dalla mamma sono fantastiche. Se oggi King è sereno, vivace, ed è la gioia della famiglia è perchè lei non ha mollato. E io le voglio davvero bene. Adesso può camminare con le sue gambe e King con le sue zampette ma sanno che ci sarò sempre, per ogni più piccola cosa.

 

The Yellow Dog Project


Progetto utilissimo. Grande idea! Da applicare e diffondere più che potete!!

The Yellow Dog Project

Scoprite di cosa si tratta