Sulle orme dei nostri cani

 

 

 

La vergogna europea.


Quando ho deciso di aprire questo blog avevo aspettative diverse. Non avevo certo pensato che avrei dovuto occupare le pagine con fatti e notizie così deplorevoli, vergognosi; non pensavo di dovermi scontrare con una realtà così orribile e devastante, una realtà che mi fa sentire annientata, inutile e impotente.

/////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

CHILIAMACISEGUA divulga perche’ si possano imprimere nella memoria le facce dei vivisettori europarlamentari da randagiare!  E si possano ricordare le facce degli europarlamentari da rivotare.

http://www.chiliamacisegua.org/2010/09/11/vergogna-europea-svergognata/

 

Il parlamento europeo ha approvato la direttiva sulla vivisezione.


smile-tristePrima hanno bocciato la proposta di rinviare per il riesame in Commissione. Poi hanno approvato la nuova Direttiva che getta all’ortica i diritti degli animali. Singolare come molti parlamentari europei indossassero la maglietta contro la condanna a morte di Sakineh Mohammadi Ashtiani. E’ sicuramente più facile esprimersi in favore dei diritti quando innanzi si ha un nemico più facile da palesare ma poco condizionante, che non quando ci si deve scontrare con lo strapotere da miliardi di dollari delle multinazionali del farmaco.

Con l’approvazione della Direttiva pro vivisezione si fa un passo indietro di venti anni. Si mostrano anche tutti i limiti, se non il pieno fallimento, delle politiche animaliste basate su improbabili lobby parlamentari. Queste invece di concretizzarsi in una promozione di civiltà, non possono che assistere all’imperante volere delle efficaci lobby che impongono sempre più il verbo di particolari interessi economici. Tra questi vi è la cosiddetta sperimentazione animale. Chi oggi dirà che si sono fatti dei passi avanti sul tema dei diritti degli animali, farà lo stesso discorso dei vivisettori.

(Fonte: Geapress)

Approfondimenti su Chliamacisegua

LAV

CG TV CHANNEL

 

Oscar


oscar

 

Prima sanzione per omissione di soccorso a un cane


Corriere della Sera – 3.9.2010

le tenebri dei caniInveste cane e non si ferma. Prima multa per omissione di soccorso di un animale

A Legnaro, in provincia di Padova, investe cane e non si ferma.
Sanzionato con 389 euro un pensionato sessantenne.

PADOVA – Ha investito un cane e non si è fermato a soccorrerlo: è stata comminata a un pensionato di 60 anni a Legnaro, in provincia di Padova, la prima multa per omissione di soccorso nei confronti di un animale mai fatta in Italia. Una multa salata, da 389 euro. Lo riporta Il Mattino di Padova. Ll’uomo ha investito un cane meticcio, Rocky, e non lo ha soccorso: l’animale è morto poche ore dopo. Alcuni passanti, tra cui il padrone del cane, hanno segnato il numero di targa e denunciato il fatto ai carabinieri, che hanno identificato il proprietario e lo hanno sanzionato per avere violato l’articolo 189/bis del codice della strada. La norma infatti recita: «L`utente della strada, in caso di incidente comunque ricollegabile al suo comportamento, da cui derivi danno a uno o più animali d`affezione, da reddito o protetti, ha l`obbligo di fermarsi e di porre in atto ogni misura idonea ad assicurare un tempestivo intervento di soccorso agli animali che abbiano subìto il danno». La sanzione può andare da 389 a 1.559 euro. (fonte: Apcom).

E’ un inizio ma non posso fare a meno di domandarmi perchè lo hanno sanzionato dell’importo minimo, visto che il cane è morto…

 

Brambilla-Veronesi insieme contro la vivisezione.


vivisezioneDal Ministro Michela Vittoria Brambilla al Professor Umberto Veronesi: un movimento bipartisan scrive ai parlamentari europei in difesa degli animali e contro la vivisezione.

TG1 delle 20  del 2.9.2010

La petizione si può firmare sul sito “La coscienza degli animali”

 

Cani randagi di Olbia: bruciamoli


La precedente notizia ha giustamente fatto scalpore. Se ne sono occupati anche i telegiornali ed è scesa in campo anche l’On. Francesca Martini.

bardanzellu“COMUNICATO STAMPA: SOTTOSEGRETARIO MARTINI INTERVIENE SU PROPOSTA ILLEGALE CONSIGLIERE SARDO BARDANZELLU

Comunicato n. 303 28 agosto 2010

Ministero della Salute

UFFICIO STAMPA

Il Sottosegretario di Stato con delega alla medicina veterinaria

On. Francesca Martini interviene sulla proposta illegale

del Consigliere Regionale sardo Bardanzellu.

In merito alla notizia apparsa sul quotidiano l’Unione Sarda del 27 agosto c.a. relativa alla proposta del Consigliere Regionale Gianfranco Bardanzellu “di incenerire i cani per risolvere l’emergenza randagismo nel Comune di Olbia e nell’intero territorio della Regione Sardegna”, il Sottosegretario di Stato On. Francesca Martini ha dichiarato:

“Sono profondamente indignata per una proposta così incivile e ricordo al Consigliere Bardanzellu che nel nostro Paese l’uccisione degli animali d’affezione è un reato sanzionato penalmente.

Le leggi dello Stato di tutela dei cani puniscono  chi li abbandona, maltratta e uccide. Ritengo indispensabile ribadire che il dovere dei rappresentanti delle Istituzioni, come dello stesso Consigliere Bardanzellu, è quello di far rispettare le norme vigenti e non  istigare a commettere  reati, dimostrando una totale ignoranza delle leggi di cui dovrebbe essere garante.

Il grave problema del randagismo non si può risolvere attraverso incivili mattanze di cani.

Il randagismo è invece frutto delle inadempienze, della mancanza di controlli, dell’assenza di un’anagrafe canina efficiente e di seri interventi di sterilizzazioni.

Invito il Consigliere Bardanzellu a farsi invece promotore in Sardegna, in collaborazione con l’Assessorato Regionale alla Salute, di un concreto programma. Tutti coloro che hanno a cuore gli animali, e in Sardegna sono moltissimi,  contino  sul mio personale impegno contro proposte di legge che possono solo far sprofondare il nostro Paese nel terzo mondo”.

Altri aggiornamenti, su chiliamacisegua

 

Se i cani randagi sono troppi bruciamoli


fuocoNavigando in internet mi sono imbattuta in questa notizia.

Forse il Consigliere Regionale è affetto da colpo di calore….

“Troppi cani randagi? Bruciamoli!
Proposta choc di un consigliere regionale:

 

Cani nei ristoranti e bar: siamo quasi alla svolta.


turisti a 4 zampeDopo mesi e mesi di segnalazioni ricevute ed inviate, di contatti con varie figure istituzionali, la maggior parte delle quali hanno ignorato le mie e-mails e telefonate, forse si è vicini ad una svolta. Un vero aiuto arriva dalla Task Force istituita dal Ministero della Salute che ha sempre risposto ai miei appelli. La notizia di una telefonata da parte del Ministro Michela Vittoria Brambilla al Sindaco di Varese, Attilio Fontana, al quale ha chiesto di rimuovere velocemente il divieto di accesso ai cani nei locali adibiti a ristorazione, appare sul quotidiano on line Varese News. Da anni mi muovevo in acque torbide per fare chiarezza sul regolamento di igiene senza mai avere aiuto da alcuno; da marzo – mese in cui è stata emessa l’ordinanza n° 6 – in molti si sono uniti per modificare il divieto che andava contro le direttive della Legge Nazionale. L’unione fa la forza. Peccato però che per far rivalere i propri diritti, debba sempre entrarci la politica e non si possano invece ottenere semplicemente perchè ci spettano. Comunque… “non importa se il gatto è bianco o nero, l’importante è che prenda i topi” diceva il leader cinese Deng Xiao Ping e, in questo caso,  come non essere d’accordo?

Vi aggiornerò sui prossimi risvolti….

articoli correlati: si accettano i cani…i padroni forse

 

Il cane di Meri


Meri invia questo commento. Le ho chiesto una fotografia del suo amico per poter dedicare loro un piccolo spazio. Meri non fa cenno al nome del suo cane. Può sembrare strano ma, a pensarci bene, non lo è. Che importanza ha come si chiamano… quello che realmente conta è che dividono con noi un lungo periodo della vita. Lungo…ma sempre troppo breve. E poi, forse, dire il suo nome fa ancora troppo male. E ognuno cerca di trovare un modo per alleviare il proprio dispiacere…

Il cane di MeriAnche io proprio 3 giorni fa ho perso il compagno della mia vita, un dolcissimo meticcio di 18 anni. ho pianto, incolpato e sofferto molto, ma ciò che mi sta aiutando è che tutti ,persone ed animali, abbiamo un’anima e credo che i nostri amici siano con la loro anima vicino a noi anche se i nostri occhi possono vederli solo fisicamente. Quindi se sentite il vostro dolce compagno vicino, state sicuri,lui è li con voi ed in un modo o nell’altro vi darà un segnale della sua presenza”.

Meri

 

Questione di razza.


il vecchio e il caneChe cane buffo! E dove l’hai trovato?

- Er vecchio me rispose:
- é brutto assai, ma nun me lascia mai: s’ é affezzionato.
L´unica compagnia che m’ é rimasta, fra tanti amichi,
é sto lupetto nero: nun é de razza, é vero, ma m’ é fedele e basta.
Io nun faccio questioni de colore:
l’azzioni bone e belle vengheno su dar core
sotto qualunque pelle.

Trilussa